Terza vittoria in tre gare per la Juniores rossonera guidata da Antonio Raiola, che supera la Grigiorossi 1927 in uno scontro al vertice molto intenso e combattuto. Un avvio di stagione impressionante per la compagine costiera, che può vantare un attacco atomico da 16 gol al proprio attivo ed una porta che dopo 270 minuti resta chiusa a doppia mandata.

Al 5’ Leone è attento su una punizione dal limite calciata da Febbraio, e blocca a terra senza difficoltà. Poco dopo risponde il Sorrento sempre su palla inattiva, con la conclusione di Suarato facile preda del portiere salernitano. Al 13’ i rossoneri sbloccano la gara al termine di un’azione corale che parte da Gargiulo, palla per Izzo che va via con un bel gioco di gambe al proprio marcatore allargando subito sulla sinistra per Maiorano. L’attaccante converge verso destra e fa partire un tiro a giro che si insacca sul secondo palo senza lasciare scampo a Somma. Gli ospiti provano a reagire, con Leone che compie un autentico miracolo su Manzo lanciato a rete. Al 22’ Suarato prova a farsi pericoloso dai 25 metri, mentre a distanza di pochi minuti è Gargiulo a mettere i brividi al portiere grigiorosso con una gran botta dal limite che si perde di un soffio larga. Allo scadere della prima frazione di gioco Suarato tenta di sorprendere Somma dalla distanza, ma senza esito.

Al 47’ Somma vola a deviare in corner una conclusione di Izzo ben indirizzata sul secondo palo. È il preludio al gol del raddoppio, che giunge al minuto 53. Lungo lancio di Raimondi sul quale Esposito va a difendere in maniera difettosa: la sfera è preda del velocissimo Maiorano che s’invola verso la porta e brucia Somma con un preciso diagonale. Dopo il raddoppio i rossoneri sono autentici padroni del campo: Casadei sfiora il tris, poi Romano in rovesciata manca il bersaglio grosso da distanza ravvicinata. Al 72’ Sabatino irrompe di testa su corner dalla sinistra di Cinque, con il pallone che sfiora il palo alla sinistra del portiere. Dopo una conclusione di Gargiulo ben controllata dal portiere, Leone si erge nuovamente a protagonista della gara con una straordinaria parata che mantiene il risultato sul 2-0. Merola viene servito alla spalle della difesa, Leone resta in piedi fino all’ultimo e si oppone alla conclusione del calciatore grigiorosso, poi Veropalumbo calcia via il pallone in corner. Poco dopo il portiere rossonero è costretto a lasciare il campo a causa di una forte distorsione alla caviglia, i cui tempi di recupero saranno valutati nei prossimi giorni. A tempo scaduto Casadei aggira Manzo all’altezza della linea di fondo e mette al centro una gran palla per Di Capua, che calcia a botta sicura trovando l’opposizione del portiere.


SORRENTO – GRIGIOROSSI 1927 2-0

Reti: 13’ pt Maiorano, 8’ st Maiorano

SORRENTO: Leone (35’ st Angellotto), Avitabile (2’ st De Gregorio), Raimondi, Izzo, Sabatino, Veropalumbo, Romano (24’ st Di Capua), Gargiulo, Cinque (45’ st Verdoliva), Suarato, Maiorano (11’ st Casadei).
A disp: Madonna, Reich.
All: Raiola

GRIGIOROSSI 1927: Somma, Esposito (13’ st D’Amaro), Verziero, Oliviero, Febbraio, Montuori, Sessa (45’ st Todisco), Merola, Coticella, Manzo (19’ st Viscardi), Concilio (28’ pt Salvati, 19’ st Galizia).
A disp: Montella, Guida.
All: D’Amaro

Arbitro: Stefania Scarica di Castellammare di Stabia.
Note: Ammoniti: Somma (G), Oliviero (G), Viscardi (G), Sessa (G). Angoli: 3-3. Recupero: 0’ pt, 3’ st