Nella città del Tasso esistono stelle che brillano di luce propria, ed il settore giovanile rossonero conferma la propria fama di importante serbatoio di talenti. Dopo l’esordio bagnato da un gol all’esordio in Coppa Italia contro il Santa Maria la Carità, il duro lavoro quotidiano premia il sorrentino classe 2000 Luigi Esposito, che domenica contro la Rus Vico ha collezionato il primo gettone in campionato. Al nono minuto del secondo tempo, il tabellone luminoso a metà campo indica il numero 13, e Luigi Esposito sostituisce Esposito Lauri coronando il sogno di esordire in Eccellenza con la maglia della squadra della sua città.

“Ho sognato a lungo questo momento. In settimana lavoro sempre tanto, impegnandomi al massimo per raggiungere l’obiettivo dell’esordio in campionato con la prima squadra. Domenica ci sono riuscito, ringrazio il mister per avermi dato questa possibilità e tutti i compagni che mi sono stati vicini. È inutile nascondere che nei primi minuti ero molto teso, ed avevo il cuore che mi batteva a mille per l’emozione. Poi con il passare del tempo, ho giocato con sempre maggiore tranquillità facendo cose semplici per poi propormi mettendo qualche  cross interessante per i miei compagni. Seguivo il Sorrento già della Lega Pro, ed ho sempre inseguito il sogno di poter difendere i colori della squadra della mia città. Aver raggiunto questo traguardo è motivo di grande orgoglio, ma non deve essere assolutamente un punto di arrivo, bensì costituire un trampolino di lancio verso il futuro. Nelle prossime settimane continuerò a dare il massimo in ogni allenamento, cercando di convincere il mister a puntare nuovamente su di me per il rush finale della stagione. Voglio ringraziare tutte le persone che credono in me, e dedicare questo splendido momento a mio padre, sempre vicino a me lungo tutto il percorso calcistico: dal ritiro estivo fino al momento clou di questa stagione”.