Al “Vittorio De Sica” di Positano splende un gioiello di Ciro Porzio, realizzato al 40′ del primo tempo, e regala la gioia della vittoria ai giallorossi dopo oltre tre mesi di astinenza. Unico sussulto locale di una gara disputata quasi esclusivamente nella propria metà campo, predominio territoria che però non ha generato nulla di concreto per gli uomini di mister Guarracino che già nei primi 10 minuti si presentano per ben due volte minacciosi in area avversaria. In entrambe le occasioni, prima con il giovane Falanga poi con l’esterno Rizzo, è provvidenziale la deviazione in angolo di un difensore giallorosso. Complice un terreno di gioco pesante ed in precarie condizioni, la gara concede poco spettacolo ai numerosi tifosi presenti. Alla mezz’ora ci prova il rossonero Masi dalla distanza ma la sfera termina alta sopra la traversa. Pochi minuti dopo è il portiere Belviso a salvare il risultato sul colpo di testa ravvicinato di Cifani, bravo a svettare più in alto di tutti e colpire di testa il calcio d’angolo di Pepe. Al 40′ il fulmine che decide la gara: Porzio conquista palla sulla trequarti e punta l’area di rigore, al limite tallonato dai difensori rossoneri pesca il jolly con un sinistro violento e preciso che si va ad insaccare nell’angolino alto. Gioia Positano che per pochissimo non trova il raddoppio con Terracciano, direttamente su calcio piazzato: il suo sinistro si stampa sulla base del palo. Duro colpo per il Sorrento che in avvio di ripresa effettua due sostituzioni, con Sogliuzzo chiamato ad aumentare il peso offensivo rossonero. In effetti l’intera seconda frazione di gioco si gioca ad una sola porta, con il Positano arroccato in difesa che si limita a difendere il preziosissimo vantaggio. Gli attacchi del Sorrento s’infrangono tutti sulla retroguardia come la conclusione ravvicinata di Sogliuzzo a botta sicura su cui si oppone con il corpo l’ex Terracciano. Rossoneri costretti a fare i conti non solo con gli avversari ma anche con la giornata negativa del direttore di gara, il signor Coluccino di Avellino, autore di tre sviste alquanto clamorose in area di rigore del Positano: netto il fallo di mano che anticipa l’intervento di Cifani, l’uscita sventurata del portiere Belviso che travolge Gargiulo e la spinta ai danni di Sogliuzzo pronto ad approfittare di un’altra uscita a vuoto del portiere giallorosso. Stilisticamente bellissima ma sfortunata la conclusione del neoentrato Vitale: destro al volo dai sedici metri che sfiora soltanto la traversa. A completare la domenica da dimentica per il Sorrento arriva la traversa colpita da Pepe su calcio di punizione nell’ultimo minuto di recupero, concessa per un fallo commesso ai danni di Gargiulo sulla linea dell’area di rigore. Sospiro di sollievo per il Positano e triplice fischio: boccata di ossigeno per i padroni di casa che guadagnano importanti punti salvezza mentre il Sorrento incassa la seconda sconfitta esterna consecutiva.
(foto Luigi Penna)

S.VITO POSITANO-SORRENTO 1-0
Rete: Porzio al 40′
S.Vito Positano: Belviso, Marino, Amita, Banco, Vallefuoco, Terracciano, Natino (90′ D’Alesio), Esposito, Longobardi, Porzio (85′ Di Ruocco V.), Farriciello (81′ Squitieri). A disp.: Di Leva, Buondonno, Langella, Busanca. All.Attanasio
Sorrento: Munao, Raimondi, Rizzo (46′ Sogliuzzo), Di Ruocco F. (72′ Evacuo), Calabrese, Guarro, Masi (60′ Vitale), Pepe, Gargiulo Alf., Cifani, Falanga (46′ Matino). A disp.: Leone, Cretella, Lombarder. All. Guarracino
Arbitro: Coluccino di Avellino
Ammoniti: Natino (P), Calabrese (S), Pepe (S), Sogliuzzo (S), Squitieri (P).
Recupero: 8′ p.t.; 7′ s.t.