di Isabella Lamberti

Il Sorrento ha risposto subito presente e ha riscattato alla grande a sconfitta-beffa rimediata Domenica scorsa in casa del Molfetta. La formazione di mister La Scala, nel recupero del 16° turno, ha dominato e battuto il Gravina con un gol nella ripresa di Mezavilla. Nel post gara è capitan Davide Cacace a parlare: Abbiamo affrontato questa partita con il piglio giusto. Una gara dura, giocata su buoni ritmi e con grande agonismo. Abbiamo ampiamente meritato la vittoria e questi tre punti sono fondamentali sia per la classifica che per il morale. Venivamo già da buone prestazioni, tipo col Molfetta, dove immeritatamente non abbiamo portato punti a casa”. 

Per il Sorrento con oggi si è chiusa la lunga lista dei recuperi ma comunque c’è poco tempo per rifiatare con i prossimi due impegni imminenti: “È durissimo giocare con questa intensità. L’emergenza Covid ha sconvolto il regolare andamento della stagione. Ora ci attendono gli ultimi due mesi di campionato, speriamo di completarlo con regolarità”. C’è amarezza per il rigore sbagliato nel finale: “Considerato il risultato finale, l’amarezza è poca. La cosa più importante sono i tre punti che abbiamo conquistato”.

La classifica vede ancora molte squadre in lotta per un posto nel treno play off, con i rossoneri che ora distano quattro lunghezze dall’ultimo posto utile per poter accedere agli spareggi. Il capitano rossonero smorza facili entusiasmi e pensa al concreto: “La priorità è raggiungere il prima possibile la quota salvezza. La nostra mentalità deve essere quella operaia e pensare partita per partita, lottando su ogni pallone poi a giugno si vedrà”. 

Il Sorrento ha raggiunto nei giorni scorsi un’accordo con il Sorrento United 1945 – Supporters’ Trust, proprietaria dello storico scudo “Sorrento Calcio”, che ha concesso l’utilizzo esclusivo del marchio ma purtroppo non ha potuto debuttare sulle maglie contro il Gravina: Il logo del Sorrento è storico e, per me, che sono un figlio della penisola fa molto piacere riaverlo sulla maglia. Purtroppo in questa categoria, la squadra di casa deve adeguarsi agli ospiti e al colore degli arbitri, per questo abbiamo dovuto rinviare l’esordio”. 

Infine Cacace analizza anche il prossimo impegno che vedrà il Sorrento giocare ancora in casa, contro il Team Altamura Domenica alle 15: “Mi aspetto una partita difficilissima, l’Altamura è una squadra che punta alle primissime posizioni quindi noi domenica dobbiamo approcciare nel modo giusto la partita e cercare di ripetere la grandissima prestazione che abbiamo fatto oggi”.