Questa l’analisi di Carlo Temponi nella consueta conferenza post-partita. Centrocampista universale, conferisce qualità e quantità alla linea mediana rossonera, oltre ad essere un calciatore letale negli inserimenti come ben evidenziano i numeri che parlano di 4 reti e 3 assist in questa prima parte di stagione. In emergenza, contro il San Tommaso, ha ricoperto il ruolo di difensore centrale in coppia con Ferrara. “Abbiamo fatto la nostra partita, purtroppo quando sei costretto a cambiare tanti elementi rispetto alla formazione tipo a causa di infortuni e squalifiche, capita di poter incorrere in qualche errore di troppo. Tuttavia nulla è perduto, è ovvio che dovremo dare di più, ma con calma e tranquillità affronteremo la gara di ritorno con l’unico obiettivo di vincere e passare il turno. Il rigore fallito nei minuti finali dal San Tommaso ci avvantaggia, ma non cambia il modo in cui prepareremo il retour match dello Stadio Italia. Già in passato mi era capitato di ricoprire anche il ruolo di difensore centrale, per cui non è stato un problema sistemarmi al fianco di Ferrara per dare una mano ed adattarmi alle esigenze della squadra. Archiviata la gara di Coppa, da domani sarà già tempo di buttarci a capofitto sul campionato ed in particolare sul turno che ci vedrà opposti al Nola. Tutte le partite sono difficili e mettono in palio 3 punti, per cui dobbiamo sempre cercare di fare il nostro gioco e migliorarci a prescindere dall’avversario che ci troviamo di fronte. Andremo a Nola con umiltà e determinazione, sapendo di affrontare una squadra che naviga nei piani alti della classifica con tanta voglia di riscatto in quanto reduce da due sconfitte consecutive contro Faiano e Battipagliese”