Gol, errori e tante polemiche nel derby tutto rossonero dello stadio Italia. Un punto che accontenta più gli ospiti che il Sorrento, bravo ribaltare lo svantaggio iniziale ma incapace nel trovare il gol vittoria nell’ultima mezz’ora. Poca lucidità sottorete ed una direzione arbitrale piuttosto vergognosa e irritante sono il freno per i rossoneri costieri, incapaci di inanellare il terzo successo di fila.
A fine gara esultato infatti i calciatori della Nocerina, costretti a giocare in 10 uomini dal 3′ del primo tempo per un’ingenuità del giovane terzino sinistro De Siena che scalcia Vitale a gioco fermo, sotto gli occhi dell’assistente arbitrale. Cartellino rosso ineccepibile ma che condizionerà eccessivamente la conduzione dell’arbitro Cannata di Faenza, fin troppo severo nei confronti del Sorrento, al punto da far perdere le staffe anche a Cacace, espulso per doppia ammonizione nei minuti finali.
Nonostante l’inferiorità numeroca la Nocerina riesce a sbloccare il risultato al minuto 25′ con Tshibamba che ribadisce in rete il calcio di rigore da lui stesso fallito (parata di Scarano), concesso per un fantomatico fallo in area di rigore di De Rosa ai danni di Sorgente. Il Sorrento domina il gioco e prima dell’intervallo riesce a pareggiare i conti con Tommaso Bonanno che beffa il portiere Leone, ex di turno, con una bella punizione mancina dal limite. In avvio di ripresa il Sorrento parte subito forte: prima Gargiulo si divora il raddoppio non trovando la deviazione vincente per pochi centimetri sul perfwetto assist di Vitale dalla destra, poi Cacace trova il gol dell’ex con un bel colpo di testa sul calcio di punizione di Herrera. Vntaggio sorrentino che dura soltanto 4 minuti, al 59′ Sorgente sorprende la retroguardia ed in area trova il diagonale potente e preciso per freddare Scarano. il Sorrento prova a reagire macinando gioco con la solita costanza ma senza affondare con decisione. Quando lo fa è frenato dall’arbitro che al 76′ non decreta un evidentissimo fallo da rigore su Cacace nell’area piccola, che s’infortunia nell’occasione con la beffa del cartellino giallo per simulazione. Pochi mimnuti dopo, rimedia il secondo giallo per proteste a centrocampo e conquista anzitempo gli spogliatoi. Nel finale è sterile la pressione dei costieri che ci prova soltanto con conclusioni dalla distanza, controllate senza preoccupazioni da Leone.

SORRENTO-NOCERINA 2-2

Marcatori: 25′ Tshibamba (N), 40′ Bonanno (S), 54′ Cacace (S), 59′ Sorgente (N).
Sorrento: (4-4-2) Scarano; Peluzzi, Cacace, Fusco (60′ D’Alterio), Masullo; Vitale (67′ Bozzaotre), De Rosa, La Monica (60′ Vodopivec Cvianovic), Herrera (80′ Cassata); Gargiulo, Bonanno. A disp.: Semertzidis, Cesarano, Esposito, Cinque, Starita. All.Maiuri.
Nocerina: (4-4-1-1) Leone; Romano, Campanella, Mannone, De Siena; Poziello, Carrotta (88′ Lava), Mincione, Liurni (72′ Ciampi); Sorgente (80′ Corcione); Tshibamba. A disp.: Scolavino, Matrone, Pisani, Messina, Festa, Carrafiello. All.Di Costanzo.
Arbitro: Cannata di Faenza.
Ammoniti: La Monica (S), Liurni (N), De Rosa (S), Campanella (N), Corcione (N).
Espulsi: De Siena (N) al 3′ per comportamento antisportivo; Cacace al 82′ per doppia ammonizione.
Corner: 8-4. Recupero: 1’pt; 4’st